Indice News ed Eventi
  • Incontro sull'integrazione dei Rom
  • 14-15 febbraio, Budapest
  • nessuna immagine Si terrà il 14 febbraio a Budapest la Consultazione, organizzata dalla federazione delle diaconie europee (Eurodiaconia) in collaborazione con la Curch’s commission for migrants in Europe (Ccme) del Consiglio europeo delle chiese e dalla Chiesa riformata ungherese, sul documento «EU Framework for National Roma Integration Strategies» che la Commissione europea sta predisponendo e che verrà presentato, così almeno è stato annunciato, nell’aprile prossimo. Alla consultazione seguirà poi, il 15 febbraio, l’incontro annuale del «Roma network», il gruppo di lavoro sulle questioni rom, di Eurodiaconia. Per la Diaconia valdese italiana parteciperà all’incontro il vice presidente della Commissione sinodale per la diaconia della Chiesa valdese, Davide Rosso, che ha già partecipato ai due precedenti appuntamenti tenutisi nel 2010 del «roma network» di Eurodiaconia.
    Obiettivo della prima giornata di incontri a Budapest sarà quello «di trovare una posizione comune al fine di rispondere alla consultazione della Commissione europea per la proposta di un quadro europeo per le strategie nazionali in merito all’integrazione della popolazione rom.
    Nella giornata dal 15 febbraio invece i partecipanti del grupp di lavoro avranno sul tavolo i temi legati a: «i diritti sociali per i rom»; le «politiche sociali sostenute da Eurodiaconia»; e «le nuove sfide e le risposte date nel Nord Europa alla migrazione della popolazione rom». Come di consueto infine i lavori del network di Eurodiaconia prevedono aggiornamenti dai membri del gruppo di lavoro sugli sviluppi della situazione nei singoli paesi in cui operano.
    «Si tratta di una consultazione importante - dice Davide Rosso - che si tiene in un mumento particolare e in un paese che ricopre in questo momento la presidenza di turno dell’Ue e in cui la popolazione rom ha una consistenza anche numericamente elevata. L’Ungheria ha dichiarato di avere tra le priorità del proprio semestre di presidenza l’attivazione di un piano strategico per i diritti e l’integrazione della popolazione rom, e le chiese si sono attivate, così come diaconie europee, per portare un loro contributo e la loro esperienza a questo progetto. Una strada che dovrebbe portare a un processo di garanzia e di crescita che è importante attivare in Europa e in realtà nazionali come l’Italia in cui si è ancora lontani dal garantire dignità e diritti ai rom che vi abitano».
  •  
Condividi
Commissione Sinodale per la Diaconia - P.IVA 07639750012 - © 2017 - Web & Com ®