KINAESTHETICS

Kinaesthetics significa “arte/scienza della percezione del movimento“.

Si tratta di un approccio alternativo al movimento della persona che parte non dagli handicap ma dalle risorse a disposizione, concentrandosi sull’ascolto del proprio corpo, del proprio movimento e del movimento con l’altro/a.

Gli operatori dell’Uliveto, che sperimentano questa esperienza in prima persona, si pongono l’obiettivo di sviluppare ed utilizzare in modo efficace le competenze residue degli ospiti in modo tale che essi possano non soltanto ricevere cure in modo passivo ma essere il più possibile protagonisti dei movimenti che quotidianamente li coinvolgono.

Tutti gli operatori della struttura hanno ricevuto una formazione di base di Kinaesthetics.

 

Alcuni dati sulla Kinaesthetics in Uliveto

I numeri della formazione Kinaesthetics in Uliveto :

- 24 operatori su 26 del Servizio educativo – assistenziale hanno partecipato al  Corso Base Kinaesthetics nell’assistenza

- L’infermiera responsabile del servizio infermieristico e il tecnico di scienze motorie operante nel servizio di fisioterapia hanno seguito il Corso Base Kinaesthetics nell’assistenza

- 7 operatori hanno proseguito nelle formazioni ed hanno partecipato al Corso di Perfezionamento Kinaesthetics

- In struttura è presente un Insegnante Kinaesthetics nell’assistenza livello 1 ed un Insegnante Kinaesthetics livello 2 sia nell’assistenza che nell’assistenza in famiglia (corso rivolto a familiari che assistono a casa)

 

Kinaesthetics nella quotidianità :

- 3 operatori al mese usufruiscono di affiancamenti pratici nella quotidianità per mantenere il più possibile un allenamento alla percezione del proprio movimento e del movimento insieme alle persone da noi assistite.

- 2 volte all’anno tutti gli operatori partecipano a momenti di aggiornamento che hanno come tema l’attenzione al movimento proprio e la prevenzione di posture antalgiche per sforzi da sollevamento.

- Gli ospiti della struttura usufruiscono più volte nel mese di momenti specifici, al di fuori della quotidianità, di stimolazione al movimento attivo e guidato insieme all’operatore. Tali esperienze assicurano una buona compartecipazione al movimento, un allenamento alla percezione corporea e influenzano positivamente i processi interni (respirazione, circolazione, peristalsi) riducendo sensibilmente gli interventi sanitari ad essi correlati.

 

Kinaesthetics nello svago :

Durante l’anno vengono organizzate delle gite “ Kinaesthetiche “ dove viene posta l’attenzione al movimento ed ai trasferimenti in ambienti al di fuori dell’ambito “casalingo”: movimento sulla neve, movimento nelle acque termali e movimento nella stanza multisensoriale.

 


Commissione Sinodale per la Diaconia - P.IVA 07639750012 - © 2017 - Web & Com ®